cuzzolin

Alberti Magazine - Villa Floridiana il dono d'amore di Re Ferdinando

 

Vi siete mai chiesti perché in tanti sottovalutano il patrimonio storico e culturale della collina del Vomero? E’ bene sapere che spesso i turisti, come gli stessi napoletani, ignorano le vicende che si celano dietro vere e proprie opere architettoniche che sono sotto i loro occhi ogni giorno. Ferdinando di Borbone, poco dopo la morte della prima moglie Maria Carolina D’Asburgo, decise di maritarsi con la siciliana Lucia Migliaccio, duchessa di Florida. Molte furono le voci e i pettegolezzi sul loro matrimonio ma, ben presto, i due si rivelarono realmente innamorati nonostante il re avesse sessantatre anni e la duchessa solo quarantaquattro.

Anche se molti credevano che la donna fosse interessata solo alle ricchezze di Ferdinando e alla politica, presto fu evidente che il suo unico interesse era il bene del marito, aiutarlo e stargli accanto. Come segno di gratitudine il re fece erigere una villa sulla collina del Vomero, a Napoli, che prese il nome di Villa Floridiana. Oltre ad essere provvista di ampi giardini ideati da Antonio Niccolini, Ferdinando allestì una palazzina detta Villa Lucia.

Dal 1927 il complesso ospita anche il museo nazionale della ceramica Duca di Martina, il teatrino della Verzura e un tempietto circolare ionico; il parco inoltre presenta una maestosa alternanza di statue e sentieri serpeggianti che presentano oltre 150 tipi di piante differenti.

La Floridiana è oggi molto famosa e visitata anche grazie al fatto che, alcune zone, aprono la visuale sul golfo di Napoli, grande attrazione apprezzata e conosciuta in tutta Europa già dal 700 e che permette di ammirare l’intera città quasi come se fosse una cartolina. Proprio nel 2017 è stato l’anniversario della costruzione dell’intero complesso, del cadeau d’amour di Ferdinando a Lucia, luogo che, ancora oggi presenta alcuni tratti del passato ma che è tutt’ora simbolo della magnificenza della città di Napoli.

Alessandra Albanese
Simone Visconti

 

 

 

 

Copyright 2013 Cuzzolin Editore - tutti i diritti riservati